A.Pomodoro         Collezione Peruzzi grafica e multipli di arte italiana contemporanea

 

_________________________________________________

origini e scopi

il contenitore

gli artisti

autismo e arte

il catalogo

in vendita

approfondimenti

recensioni

bibliografia

i servizi

le iniziative

progetto scuole

video arte

consigli

corrispondenza

contatti

links

 

Arnaldo Pomodoro (Morciano di Romagna 1926)

Dalla metà degli anni 40 lavora per un decennio come consulente per il restauro di edifici pubblici a Pesaro, mentre studia scenografia e produce gioielli insieme al fratello Giò e a Giorgio Perfetti (con i quali fonda il gruppo dei “3P”). Nel 54 si trasferisce a Milano, dove conosce Lucio Fontana, Enrico Baj, Sergio Dangelo e altri artisti, ed espone per la prima volta alla Galleria Numero di Firenze e alla Galleria Montenapoleone di Milano.  Dal 56 si indirizza definitivamente alla scultura: esegue, usando i più diversi materiali, opere di grandi proporzioni, policrome, che rivelano l'influenza di Burri e di Wols, e che lo collocano nell'area, di per sé ricca di varie significazioni, dell'informale. Incontra Alberto Giacometti e Georges Mathieu a Parigi nel 59, prima di ritornare negli Stati Uniti dove organizza rassegne di artisti italiani contemporanei a New York e San Francisco. Le sue opere sono presenti in tutto il mondo. Ha insegnato nei dipartimenti d’arte delle università americane: Stanford University, University of California, Berkeley, Mills College. Ha ricevuto una quantità eccezionale di premi e riconoscimenti, conferitigli dagli enti culturali e dalle istituzioni più importanti in tutto il mondo. Nel 2005 viene inaugurata la nuova sede della Fondazione Arnaldo Pomodoro a Milano.

La qualità della sua opera moltiplicata non è costante.

       
   

 

CP67 A.POMODORO

Senza titolo

multiplo

 
           

_____________________________________________________________________________________________

Collezione Peruzzi     Tarquinia     collezioneperuzzi@collezioneperuzzi.it     Copyright © 2002-2017 Collezione Peruzzi