Botto & Bruno       Collezione Peruzzi grafica e multipli di arte italiana contemporanea

 

_________________________________________________

origini e scopi

il contenitore

gli artisti

autismo e arte

il catalogo

in vendita

approfondimenti

recensioni

bibliografia

i servizi

le iniziative

progetto scuole

video arte

consigli

corrispondenza

contatti

links

 

Botto & Bruno

Gianfranco Botto (Torino 1963) Roberta Bruno (Torino 1966)
Vivono e lavorano a Torino. I video e le installazioni narrano di esistenze nascoste tra le nebbie e le paludi delle periferie urbane. I loro primi lavori datati 92-93 sono costituiti da piccoli libri fanzine autoprodotte dove immagini di luoghi abbandonati in bianco e nero scorrevano accanto a testi presi dai giornali. Del 95-96 sono i primi progetti di ambienti alle cui pareti venivano incollate direttamente gigantografie in laserprint di fabbriche dismesse e di strade sterrate. Sempre in quel periodo realizzano interventi esterni su cartelloni pubblicitari o elettorali convinti della necessità di comunicare a un pubblico che non sia solo quello delle gallerie d’arte. Da ricordare l’intervento fatto nel ‘97 sulla facciata del Bullet Space, una spazio alternativo di New York. Un anno dopo vincono il primo premio "Torino incontra l’arte". Nel 1999 per la mostra "fwd Italia: passaggi invisibili" realizzano "Suburb’s Island" un grande wallpaper che si insinua come un virus in una stanza del Palazzo delle Papesse. Nel 2000 realizzano un grande lavoro stampato su pvc all’esterno della Fondazione Teseco per l’Arte di Pisa. Sempre nello stesso anno progettano due grandi wall paper per il Centro d’arte Contemporanea di Quimper con le architetture della Bretagna e al Palazzo delle Esposizioni a Roma con la personale dal titolo “Under my red sky”. Nel 2001 sono presenti alla Biennale di Venezia.

Estremamente limitata la loro produzione di opere multiple.

 
   

 

CP112  BOTTO & BRUNO  2001

I Have Never Been 1

stampa vutek su trevira

     
       

_____________________________________________________________________________________________

Collezione Peruzzi     Tarquinia     collezioneperuzzi@collezioneperuzzi.it     Copyright © 2002-2017 Collezione Peruzzi